Preghiere

INDICE

PREGHIERA A SAN GREGORIO MAGNO *

O Grande Papa Gregorio, servo dei servi di Dio,
Tu veramente sei “Magno”
perché ti sei lasciato guidare dallo Spirito Santo.

Accogli la preghiera della nostra comunità parrocchiale
e presentala al nostro Dio, l’Eterno, eterna Bellezza…

Ottienici, o Gregorio, il dono del silenzio:
perché sappiamo ascoltare, meditare e vivere la Parola,
imparando a conoscere il cuore del Padre nelle sue parole.

Ottienici il dono del timor di Dio:
perché celebriamo la liturgia in modo serio, semplice e bello
così da avere parte al mistero di salvezza di Cristo.

Ottienici il dono di una voce pronta alla lode:
perché nel canto sappiamo aprire la strada al Signore…
venga nel nostro cuore e vi accenda il fuoco del suo amore!

Statua di San Gregorio Magno

Statua di S. Gregorio Magno conservata a Villa Mondragone, ove è pure una cappella a Lui dedicata.

Ottienici il dono dell’attenzione ai fratelli:
perché fatti compassionevoli nell’amore del prossimo,
ci irrobustiamo nella fede e ci innalziamo verso Dio.

Ottienici il dono di pastori santi e buoni:
capaci di pizzicare con arte
le corde dei cuori dei fedeli
per ricavare dalla cetra del popolo di Dio
la melodiosa e santa armonia della carità.

Ottienici, infine, o Grande Gregorio,
salute e pace;
benedizioni spirituali, per tutti e per tutte;
soprattutto,
i doni e i frutti dello Spirito Consolatore.

Al nostro Dio, in comunione con Te
e con tutta la Chiesa,
ogni onore e gloria
per tutti i secoli dei secoli. Amen.

 

* La preghiera – predisposta da R. Ingretolli nel 2005 e approvata per l’uso liturgico da S.E. Mons. G. Matarrese – è una “tarsia” di citazioni di San Gregorio Magno (parti in corsivo).

Le parole di Gregorio descrivono e illuminano le componenti essenziali della vita della comunità cristiana (pastori e popolo):
– l’ascolto della Parola di Dio (nella catechesi);
– l’incontro di Dio con noi (nella liturgia – il canto -);
– l’incontro di noi con Lui (nella carità).

Torna all’indice

PREGHIERA AL MARTIRE ANTONINO

Statua di Sant'Antonino martireO martire Antonino,
testimone fedele di Cristo,

Tu che appena ventenne
fosti ucciso
per aver distrutto gli idoli dei pagani,
aiutaci a distruggere i tanti “idoli”
che oggi ci separano
dall’unico Padre.

Tu, Antonino,
che hai seguito il Signore
sulla via della Croce,
ottienici dal Principe dei Martiri
di poterti imitare
conducendo una vita santa.

Tu che per noi facesti sgorgare
fresche acque da terre aride,
prega ancora per noi Gesù,
perché Egli faccia sgorgare in noi
la sorgente
dell’acqua viva dell’eternità.

Volgi infine il tuo sguardo
su questa tua Città,
o glorioso nostro Patrono,
ed invoca con noi per lei
i doni e i frutti
dello Spirito Consolatore.

Benedici tutti e tutte:
preservaci da ogni male,
ottienici i doni
della pace e del bene
e fa che al termine
Reliquie di Sant'Antonino martiredel nostro pellegrinaggio
ci sia dato di venirti a ringraziare,
o Antonino,
nella Santa Gerusalemme
dove con Te,  che hai meritato
la palma della vittoria,
con gli Angeli, i Santi e Maria Vergine
loderemo per sempre il nostro Dio.

A Lui, la lode, l’onore
e la gloria per sempre!  Amen! Alleluia!

Torna all’indice

PREGHIERA DI DEDICAZIONE DELLA CHIESA

Facciata della chiesa

Questo luogo è segno
del mistero della Chiesa
santificata dal sangue di Cristo,
da lui prescelta come sposa,
vergine per l’integrità della fede,
madre sempre feconda
nella potenza dello Spirito.

Chiesa beata,
dimora di Dio tra gli uomini,
tempio santo costruito con pietre vive
sul fondamento degli Apostoli,
in Cristo Gesù, fulcro e pietra angolare.

Qui il fonte della grazia
lavi le nostre colpe,
perché i tuoi figli muoiano al peccato
e nascano alla vita nel tuo Spirito.

Qui la santa assemblea
riunita intorno all’altare
celebri il memoriale della Pasqua
e si nutra al banchetto
della parola e del corpo di Cristo.

Qui lieta risuoni
la liturgia di lode
e la voce degli uomini
si unisca ai cori degli angeli;
qui salga a te la preghiera incessante
per la salvezza del mondo.

Qui il povero trovi misericordia,
l’oppresso ottenga libertà vera
e ogni uomo goda
della dignità dei tuoi figli,
finché tutti giungano alla gioia piena
nella santa Gerusalemme del cielo.

Torna all’indice